Archivi categoria: Uncategorized

Nuova versione di www.alertprivacy.it

http://www.alertprivacy.it si rinnova con nuovi contenuti, nuove modalità di accesso.

Il servizio di aggiornamento privacy http://www.alertprivacy.it viene ora erogato tramite il nuovo sito dove gli abbonati possono trovare tutte le novità e utili risorse per il proprio aggiornamento professionale continuo.

Accedi a http://www.alertprivacy.it dal seguente link

A chi deve riferire il DPO in azienda? Ecco le risposte!

In questo articolo chiariremo a chi il DPO deve fare riferimento in azienda, per il corretto svolgimento delle proprie funzioni. Occorre fare una premessa.  Il DPO deve essere una figura indipendente e con un’autonomia economica. Uno degli aspetti più importanti […]

Continua su www.clubdpo.com
club

Come documentare l’ambito del SGSI conforme alla norma ISO 27001

Cosa significa documentare l’ambito del Sistema di gestione sicurezza informazioni?
Significa definire quali informazioni devono essere protette dal sistema.
Per farlo si può procedere in tre step:

Collana_foto

1. Identificare ogni luogo o ambiente in cui le informazioni sono archiviate. Quindi sia luoghi fisici, che digitali e cloud.

2. Identificare le modalità di accesso ai dati e regostrare tutti gli accessi alle informazioni effettuati da qualsiasi punto, sia che si tratti di un archivio cartaceo sia di un computer, un tablet, un telefono cellulare.

3. Determinare ciò che non rientra nell’ambito, ossia tutti gli aspetti sui quali l’organizzazione non ha alcun controllo (come i prodotti di terzi) o che non danno accesso o non conservano informazioni riservate.

Un ambito ben definito e individuato garantisce che ogni area dell’organizzazione riceva un’adeguata attenzione per l’implementazione delle misure di sicurezza. La documentazione dell’ambito di progetto è un requisito ISO 27001.

iso27001

Lavoro, vanno protetti i dati degli iscritti ai sindacati

club

Il datore di lavoro non può comunicare ad una organizzazione sindacale la nuova sigla alla quale ha aderito un suo ex iscritto.  Per consentire al sindacato di espletare le procedure che seguono la revoca della affiliazione sindacale e della relativa delega, il datore di lavoro avrebbe dovuto limitarsi a comunicare la sola scelta del lavoratore di non aderire più all’originaria sigla di appartenenza.

È quanto affermato dal Garante privacy a conclusione di un’istruttoria originata dai reclami di alcuni dipendenti di una Azienda socio-sanitaria territoriale che si erano rivolti all’Autorità affinché valutasse la correttezza del datore di lavoro nel trattamento dei loro dati sensibili, quale è l’appartenenza sindacale [doc. web n. 9065999].

A giustificazione del proprio comportamento l’Azienda ha affermato, tra l’altro, di aver ritenuto necessario informare la Rappresentanza sindacale della variazione per evitare il rischio che senza questa comunicazione l’organismo avrebbe continuato ad operare in una composizione non più aderente alla realtà, con inevitabili ricadute sulla validità della contrattazione aziendale.

Le informazioni sull’adesione sindacale rientrano nella categoria dei dati sensibili  – ha osservato  l’Autorità – ai quali la disciplina di protezione dei dati riconosce particolari forme di tutela. Il datore di lavoro  può lecitamente trattarli in base alla legge per adempiere agli obblighi derivanti dal rapporto di lavoro, ad esempio per effettuare il versamento delle quote di iscrizione ad associazioni o organizzazioni sindacali su delega e per conto del dipendente.

In questo caso invece l’amministrazione non si è limitata a comunicare alla Rappresentanza sindacale la revoca dell’affiliazione di alcuni lavoratori, ma ha inviato a tutti i componenti della sigla sindacale una e-mail cui erano allegati dei documenti nei quali era espressamente indicata l’iscrizione dei lavoratori che avevano aderito ad un altro sindacato. Ciò ha determinato una illecita comunicazione di dati personali sensibili dei reclamanti.

A conclusione dell’istruttoria il Garante ha ritenuto che dalla valutazione degli elementi acquisiti la condotta dell’Azienda, pur difforme dalla disciplina applicabile, abbia esaurito i suoi effetti e non sussistono quindi i presupposti per l’adozione di un provvedimento prescrittivo  o inibitorio.

L’Autorità  si è riservata però di avviare un autonomo procedimento per valutare la contestazione di una eventuale violazione amministrativa per l’illecita comunicazione dei dati sindacali.